Come arredare il mio ufficio: I nuovi meccanismi delle poltrone per ufficio.

La tencologia nel campo dei meccanismi montati sulle sedute per ufficio e' sempre in evoluzione.

 

La tencologia nel campo dei meccanismi montati sulle sedute per ufficio e' sempre in evoluzione.

Anche se le poltrone piu' vendute hanno principalmente meccaniche ormai obsolete ma con il vantaggio di essere economiche, come per esempio quelle a "contatto permanente", la ricerca di un ergonomia ideale a lavorare molte ore sedute, ha fatto passi da gigante.

Il meccanismo synronizzato, che nelle poltrone per ufficio permette la regolazione simultanea dell'inclinazione della seduta e dello schienale in maniera disgiunta ma sincronizzata, e' il prodotto su cui ci si e' basati per aumentare il confort delle sedute. Oggi molto diffusa e' la versione che ingloba il traslatore del sedile accessorio utile che permette di regolare la profondita' della seduta adattaldola alla lunghezza del femore.

Il meccanismo asyncro e' meno diffuso ma l'ideale per correggere alcuni problemi posturali e garantire il confort a chi necessita di stare in posizioni non consuete. Infatti le poltrone per ufficio che montano questa meccanica hanno la possibilita' di regolazione di seduta e schienale in maniera distinta e autonoma.

L'evoluzione piu' recente nella meccanica delle sedute di ultima generazione per postazioni operative e direzionali e' in "Syncro Autoballance". Il meccanismo syncronizzato permette di regolare la durezza della molla che genera la spinta su schienale e seduta. Tale regolazione e' possibile tramite una manopola di solito posizionata sotto o di finaco alla sedia.

La versione con "Autoballance" ha all'interno della meccanica un sistema di autoregolazione a seconda del peso in modo da rendere la poltrona confortevole alle diverse persone che la useranno senza necessita di interventi.

Se vuoi a saperne di piu' sulle nostre proposte relative alle poltrone per ufficio, vienici a trovare nel nostro show-room di Milano contatattandoci utilizzando uno dei riferimenti sottostanti.