I tessuti utilizzati dalle poltrone per ufficio sono un elemento importante per garantire confort all'utilizzatore ma in generale poco si sa sulla loro composizione. Le tre principali macro-categorie possiamo suddividerle in questo modo: tessuto, ecopelle, pelle.

Tra i mobili per ufficio direzionali la scrivania in cristallo e' sicuramente il prodotto piu' elegante. Contraddistinta solitamente da forme squadrate che ne sottolineano l'essenzialità rappresenta quasi uno icona per chi vuole apparire dandosi un certo tono.

Se nelle nuove realizzazioni di palazzine uffici (soprattutto nelle grandi città come Milano e Roma) le pareti divisorie sono ormai un argomento sdoganato, nelle piccole ristrutturazioni soffrono ancora la concorrenza del cartongesso che con i suo costi iniziali molto bassi presenta un alternativa allettante a chi vuole spendere poco. Ma e' proprio cosi?

L'arredamento per ufficio che soddisfa la quasi totalità delle richieste e quello che normalmente viene definito di serie. Quasi tutti i produttori hanno prodotti concettualmente similari e con più o meno le stesse dimensioni (le scrivanie hanno misure che variano di 20 cm alla volta, gli armadi hanno una lunghezza di circa 90 cm, ecc.). Sono rare le eccezioni e a volte poco premiate.

E' frequente, ormai da qualche anno, che mi imbatta in aziende che per necessità ridimensionino la sede della propria attività e che mi chiedano la riconfigurazione degli arredi dei propri uffici per adattarli alle nuove esigenze.
Spesso ciò porta a far lavorare molte persone in spazi ristretti con la problematica di una naturale confusione dovuta ad una acustica non ottimale.

Nelle realtà aziendali dove si dispone di un po' più di spazio in molti casi l'imprenditore arreda un locale per permettere ai collaboratori di pranzare con ciò che si sono portati da casa. Questo in molti casi e' un sottovalutato vantaggio economico che non solo può incidere a fine anno sul portafoglio ma anche sulla salute del dipendente.