Le partizioni con pareti divisorie vetrate sono ormai diventate comuni negli ultimi 10 anni. La loro qualita' principale e' la leggerezza estetica che permette di suddividere spazi creando comunque l'idea di open-space.

Ce ne sono in tutti gli arredamenti e solitamente sono sempre molto pieni. A fine anni '90 mi ricordo che si profetizzava, con la diffusione dei personal computer, la quasi completa sparizione di tutti i supporti cartacei. Direi che oggi siamo ancora molto lontani dal quel futuro!

In questo post mi concentrero' su un tipo di armadiatura: gli armadi classici.

Fare una buona impressione è sicuramente una carta vincente, questo significa curare con meticolosità tutti i dettagli nell'arredare il proprio ufficio. Non da meno e' sicuramente la stanza del bagno che dovrà essere adattata nella maniera più confortevole per voi, per le persone che lavorano con voi e soprattutto per i clienti e i fornitori che vi giudicano anche sul modo di accoglierli.

Questo blog ha come scopo di dare alcune informazioni per poter approcciare l'acquisto dell'arredamento per il vostro ufficio in maniera più consapevole. In tema di rivestimenti per la pavimentazione gli argomenti sono molteplici ed alcune volte forvianti e quindi vorrei darvi qualche nozione di base concentrandomi in particolare sui parquet in laminato tralasciando quelli in vero legno molto spesso inadatti per l'utilizzo intensivo proprio degli uffici.

Spesso e volentieri nei momenti di attività più frenetica la pausa caffè può essere utile a riordinare le idee e rialzare il livello di attenzione magari logorato da attività ripetitive.

Ma il potenziale del break davanti alla macchinetta del caffè e' molto più alto. Infatti è in quel momento che le persone, allontanate momentaneamente dallo stress dell'attività lavorativa possono dare sfogo alla creatività repressa.

Avete mai pensato al giudizio che date appena entrati in un ristorante basandovi su come e' arredato? Se lo stile e' rustico vi immaginerete una cucina casalinga, se molto curato nei dettagli ad una cucina sofisticata mentre se ci sono le sedie in paglia e la tovaglia a quadrettoni penserete che "si spendera' poco".

Un aspetto molto importante nell'ambiente di lavoro e' l'illuminazione. Quindi quando state per arredare il vostro ufficio non sottovalutate posizionamento e intensita' delgli apparecchi illuminanti.

Infatti ci sono studi che mettono in relazione in maniera diretta rendimento e capacita' di concentrazione con la quantita' di luce sul posto di lavoro.

L'illuminazione se mal gestita puo' anche risultare fastidiosa. Per esempio una delle regole quando si progetta un arredamento d'ufficio e' che, nel limite del possibile, una scrivania va posizionata con il lato corto verso una finestra in modo che la luce penetri di lato rispotto all'operatore evitando di rifrangersi sullo schermo del pc (nel caso la finestra sia alle spalle) o abbagliarlo ( nel caso si trovi di fronte).

Un altro caso in cui la luce potrebbe dare fastidio e' quando riflette su una superfice troppo lucida (vedi normativa superfici bianche e riflettenti: D. LGS 81/08 ex 626/94).

Il metodo piu' veloce per integrare la luce naturale e artificiale presente nell' ambiente e' semplicemente posizionare una lampada da tavolo sulla scrivania, meglio se abbia la possibilita' di regolare l'intensita' luminosa.

Pochi sanno che al pericolo delle "polveri sottili" non ci si espone solo camminando per strada ma a volte anche stando seduti semplicemente alla propria scrivania.

Le polveri di toner emesse dalle stampanti con tecnologia laser e dalle fotocopiatrici possono causare disturbi soprattutto nei soggetti con mucose ipersensibili nelle vie respiratorie superiori e inferiori.

Sicuramente i grandi uffici si affidano a imprese esterne che professionalmente svolgono le pulizie in maniera impeccabile. Esiste però un folto gruppo di professionisti e piccole aziende che preferisce il "fai da te" e visto che la domanda mi viene rivolta spesso voglio dare il mio contributo a chiarire i dubbi sull'argomento.