La spesa principale tra gli arredi per ufficio e' sicuramente l'acquisto e l'istallazione delle interpareti. Molti quindi preferiscono le pareti in cartongesso rispetto a quelle mobili puntando sul risparmio. Ma e' veramente cosi?

Ma e' veramente comoda la sedia su cui sto lavorando?????? Proviamo a fare un esperimento: quante volte in un ora cambiate posizione, vi stirate, vi dovete alzare a "sgranchirvi" le ossa? Lavorate con la schiena appoggiata allo schienale o curvata verso la tastiera? Avete mai sofferto di dolore nella zona delle spalle, nella parte lombale della schiena, al collo o ai gomiti e ai polsi?

Il meccanismo e' tra i componenti piu' importanti nella determinazione della della comodità di una sedia per ufficio.

Per prima cosa c'è da ricordare che il decreto legge 81 del 2008 stabilesce che un "videoterminalista" (cioe' colui che utilizza il computer per piu' di 4 ore al giorno) necessita di una seduta girevole su ruote, con regolazione in altezza, regolazione lombale e movimento di inclinazione dello schienale.

Molto spesso mi accorgo che il controsoffitto è ritenuto solo un elemento estetico e quindi nei tempi di "Vacche magre" come questi un costo secondario. La verità è spesso molto lontana, ma andiamo per gradi e spieghiamo meglio di cosa si tratta.