Come arredare una sala conferenza

Quasi tutti noi abbiamo partecipato almeno una volta ad una riunione del personale o ad una conferenza con un numero importante di partecipanti. Le aziende più strutturate hanno degli spazi appositi all'interno dei propri uffici ma la maggior parte approfitta delle molte possibilità che alberghi e centri congressi mettono a disposizione per il tempo necessario.

Quasi tutti noi abbiamo partecipato almeno una volta ad una riunione del personale o ad una conferenza con un numero importante di partecipanti. Le aziende più strutturate hanno degli spazi appositi all'interno dei propri uffici ma la maggior parte approfitta delle molte possibilità che alberghi e centri congressi mettono a disposizione per il tempo necessario.

Tralasciando l'aspetto del materiale tecnico necessario (proiettori, impianto audio, ecc.) l'arredamento si può riassumere in pochi me fondamentali elementi: tavoli e sedie.
Il tavolo del relatore può essere più o meno di design e spesso, nelle sale messe a disposizione dagli alberghi, coperto da una tovaglia.

La sedia quindi rappresenta l'elemento fondamentale che determina il distinguo tra un arredamento approssimativo e uno concepito ottimamente.
Quanti di voi sono stati seduti giornate intere su sedie scomode, a cambiare posizione ogni cinque minuti per seguire una conferenza?

E' chiaro che il livello di attenzione, che normalmente diminuisce con l'allungarsi degli interventi, subisce un calo drastico se inizio ad avere anche mal di schiena.

Possiamo girare anche il problema dalla parte del relatore. Mettiamo caso che un azienda abbia programmato una giornata con i suoi clienti per presentare un nuovo prodotto. Se li si mette a sedere in modo scomodo probabilmente dopo poco la clientela non vedrà l'ora di potersi alzare distraendo l'attenzione dallo scopo per cui e' stata invitata.

Per informazioni contattaci utilizzando uno dei riferimenti sottostanti.